Facebook
 HOME PAGE | NATURA E SPORT  | ARTE E ARCHEOLOGIA  | TRADIZIONI |  ENOGASTRONOMIA |  MAGAZINE |  ARCHIVIO NEWS
Home pageMagazinenumero 1 anno 2012
Link
Rosciolo e l’anziana gioventù

Un colpo d’occhio, una suggestione e la promessa di ritornare. Scopriamo il paese attraverso gli sguardi e i gesti di una coppia di anziani seduti al sole primaverile di una panchina, all’ingresso del borgo antico; nelle donne appoggiate al muro che scrutano “lo straniero” fingendosi impegnate in una discussione; negli avventori che indugiano al bar. Rosciolo è la squillante voce al telefono della signora Carmela, spigliata “perpetua” ottantenne che, con garbata fermezza, vuole giustamente conoscere i dettagli della nostra visita prima di metterci in contatto con il parroco. E’ il sorriso sincero di Don Vincenzo che ci insegue in automobile per donarci la foto ricordo della visita “segreta” del Papa.
Uno spaccato di Abruzzo vero, sospeso su una valle luminosa che un tempo era un lago, circondato da boschi e vette spoglie, resistente al tempo e all’abbandono. A chi, come noi, si è trovato a passeggiare per i vicoli, ad affacciarsi da uno scorcio, a risalire gradini e scrutare angoli nascosti, Rosciolo sembra chiedere di far da testimoni di una bellezza “grezza”, che aspetta solo di essere riscoperta in tempo, per essere preservata e salvata . Un borgo autentico, immerso nella natura, tutt’uno con il colle dove, oltre i resti delle mura di cinta, si innalzano possenti e fragili le “case mura”, interrotte solo dalle enormi arcate che una volta erano le porte d’ingresso all’abitato. Sotto una di queste, troviamo la Locanda dell’arco. Il locale è chiuso, ma la signora che ci ha guidato non demorde e suona al campanello di casa dei proprietari. In una scena d’altri tempi la signora Franca (?) , sigaretta tra le dita, si sporge dal balcone di un palazzo del ‘400 accompagnata dall’insistente abbaiare del suo cane. Così, in questo paese nascosto della Marsica, abbiamo la fortuna di incontrare anche la gentilezza vanto delle nostre genti. L’accento del nord della signora e di suo figlio, intento alle cucine, tradisce un passato da emigranti e la sfida che affronta chi decide di tornare. Ci accolgono in un ambiente confortevole e senza pretese, per un pranzo veloce ma gustoso, accompagnato dai loro racconti interrotti dai paesani che, vedendo aperto, passano di qui per un saluto. Basterebbero le piccole storie che ascoltiamo, le escursioni notturne che già ricordava a inizi ’900 Anne MacDonell nel suo Viaggio in Abruzzo, i percorsi sul Velino, la tradizione del lunedì dell’Angelo, la corsa delle rotelle di formaggio; basterebbe promuovere l’unicità di un luogo come Santa Maria in Valle Polcraneta o gli affreschi sconosciuti della splendida chiesa parrocchiale, per far vincere a Franca e … la loro scommessa.
Il coro all’unisono proveniente dalla parrocchia ci ricorda l’ora tarda. Un tono energico e profondo, che lascia immaginare la presenza di numerosi fedeli e, invece, si rivela essere il canto di poche anziane donne custodi di una giovinezza dello spirito che, forse, solo in questi angoli appartati di mondo si riesce a conservare negli anni.

di Riziero Zaccagnini
Foto Luca Del Monaco

Indice numeri magazine
numero 1 anno 2012
AbruzzoèAppennino
Editoriale
Storia di copertina
Castelbasso
Paesaggi e dettagli di un borgo incantato

di Antonio Di Fonso
Scenari
Come cento piccole capitali.
Un convegno per l’Appennino
Un disegno di legge e molte proposte per lo sviluppo della montagna.

di Giuliana Susi
Appuntamenti
In primo piano
A Pescocostanzo il bosco è un’opera d’arte
La festa dei serpari a Cocullo il 1 maggio
Progetto “Pecunia”.
Fibre naturali per il mercato internazionale
Il sentiero della libertà.
La storia in cammino.

di Riziero Zaccagnini
Percorsi
Le regine di Scanno
di Italia Gualtieri
A volo d’angelo nella valle del Sagittario
di Massimo Dattilo
Itinerari
Luoghi dell’anima
L’oriente vicino
La magia di Santa Maria in valle Polcraneta.

di Riziero Zaccagnini
Protagonisti
Storia di Assunta
L’archeologa che fila la lana

di Giuliana Susi
Colori e sapori
Il formaggio.
Storia di un produttore di montagna

di Massimo Maiorano
Sport e natura
Il “giro” di Passo San Leonardo
In bici tra campi di genziana, ginestre e acque sorgive

di Tommaso Paolini
Link
Rosciolo e l’anziana gioventù
di Riziero Zaccagnini
Fondazione Malvina Menegaz
Convento
1° Concorso Fotografico Nazionale “Trofeo Scanno”
Osservatorio della montagna
La Majella sentinella del clima
di Giovanni Pelino e Angela Stanisci
Regione Abruzzo Fondazione Cassa di Risparmio della Provincia dell'Aquila Comunita' Montana Peligna Comunita' Montana Altosangro Altopiano delle cinque miglia
NATURA E SPORT
Natura e sport
Parchi e aree protette
Fiumi, laghi e grotte
Neve e sport invernali
Sport - Escursionismo
ARTE E ARCHEOLOGIA
Arte e archeologia
Piccole citta' d'arte
Borghi
Luoghi dell'anima
Abruzzo d'autore
Musei e siti
TRADIZIONI
Tradizioni
Feste tradizionali
Feste, Sagre e rievocazioni
Tradizioni del lavoro
ENOGASTRONOMIA
Enogastronomia
Terre del vino
Le vie dell'olio
Pane, pasta e dolci
Carni e salumi
Formaggi
Frutta e ortaggi
Funghi e tartufi
Miele
MAGAZINE
numero 3 anno 2012
numero 2 anno 2012
numero 1 anno 2012
numero 3 anno 2011
numero 2 anno 2011
numero 1 anno 2011
numero 3 anno 2010
numero 2 anno 2010
numero 3 anno 2009
ARCHIVIO NEWS
anno 2013
anno 2012
anno 2011
anno 2010
anno 2009
anno 2008
anno 2007
anno 2006
redazione@abruzzoeappennino.comArea riservata

Partners

 
Abruzzo è Appennino © Copyright 2012 - e-mail: redazione@abruzzoeappennino.com